...
✅ Notizie, temi, plugin WEB e WordPress. Qui condividiamo suggerimenti e le migliori soluzioni per siti web.

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

4

Quando si tratta di prendere buone decisioni per il tuo sito web, che si tratti di un negozio online, una rivista o un blog, spesso sono le statistiche che possono mostrarti la strada. Nell’era digitale, quando puoi monitorare e misurare quasi tutto, le statistiche sono il carburante che alimenta il processo decisionale. E succede che, quando parliamo di siti web, le statistiche che ottieni da Google sono quelle che contano di più.

Non è così difficile capire perché quando si pensa a quanto siano potenti i prodotti di analisi e metriche di Google e quanto sia onnipresente l’azienda in generale. Sarebbe difficile trovare un webmaster che non utilizza almeno Google Analytics, se non l’intera suite, compresi gli strumenti pubblicitari a pagamento.

Mentre siamo in tema di cose che tutti usano, Google ha fatto uno sforzo per connettersi con WordPress, il Google del settore CMS. Ma questa non è una storia di fusioni, acquisizioni o acquisizioni: è molto più semplice di così. All’inizio di novembre 2019, è arrivata la notizia che il plug-in Site Kit di Google per WordPress è finalmente uscito dalla fase beta e rilasciato in natura.

Perché dovresti aver bisogno del kit del sito di Google?

La domanda ovvia qui è quali cose nuove potrebbe portare questo plugin che non sono già coperte da uno degli strumenti di Google. Tra di loro, ti daranno così tanti dati utilizzabili che probabilmente non avrai il tempo di esaminarli tutti.

Ma questo è proprio il punto: Google ha così tanti ottimi strumenti che il loro utilizzo, sebbene vantaggioso, può richiedere molti cambi di scheda e altre attività che richiedono tempo. Ma se installi il Site Kit, puoi ottenere una versione ridotta di quei dati proprio lì, nella tua area di amministrazione di WordPress.

Ecco gli strumenti che puoi aver inserito nel Site Kit:

  • Search Console : il luogo in cui ti assicuri che il tuo sito Web e Google funzionino bene insieme, che tutto sia indicizzato e che riceva traffico e dati di collegamento.
  • AdSense : Vuoi guadagnare soldi pubblicando annunci sul tuo sito web? AdSense è inevitabile in questo campo e i dati che ottieni da questo strumento ti aiuteranno a rimanere aggiornato sulle entrate del tuo sito web.
  • Analytics : sai quanto è importante sapere cosa fanno gli utenti sul tuo sito web e quanto è facile per loro navigarlo? Questo è ciò che lo strumento Analytics di Google porta in tavola.
  • PageSpeed ​​Insights : la velocità di caricamento è una delle metriche più importanti del sito web. Lo strumento PageSpeed ​​Insights ti consente di confrontare il tuo con la velocità di caricamento di altri siti web.
  • Tag Manager : Il Site Kit ti consente di configurare il Tag Manager dal tuo sito web in modo da poterli utilizzare dal Tag Manager.
  • Ottimizza : il tuo strumento di riferimento per i test A/B! Proprio come con Tag Manager, puoi configurarlo utilizzando il Site Kit e quindi eseguire tutti i test che desideri da Optimize.

Lo scopo dell’installazione del plugin non è quello di aggirare il processo di registrazione per gli strumenti che lo richiedono. Se in precedenza hai dovuto collegare il tuo sito Web allo strumento, dovrai comunque farlo anche se stai utilizzando il kit del sito. È qualcosa di cui dovresti occuparti prima di installare il plugin. E una volta installato il Site Kit, dovrai comunque connettere tutti quei servizi ad esso.

Ma una volta fatto tutto questo, arriverai al motivo principale per cui l’installazione del Site Kit di Google è una buona idea: ti permetterà di vedere alcune, ma non tutte, le informazioni che ottieni da quei servizi proprio lì, nel tuo sito web area di amministrazione. Questo è l’attrattiva principale: ottieni alcune delle informazioni dai servizi di Google tramite un plug-in di WordPress.

Come installare il plug-in del kit del sito

L’installazione del plug-in Site Kit di Google è semplice e diretta come l’installazione di qualsiasi altro plug-in. Inizi trovando l’opzione Aggiungi nuovo nel menu Plugin:

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Puoi trovare il plug-in Site Kit cercandolo nell’elenco dei plug-in:

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Una volta trovato, devi prima installarlo

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

…e poi per attivarlo.

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Con ciò, il tuo plug-in è installato e sei pronto per il passaggio successivo del processo: configurazione del plug-in.

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Come configurare il plug-in Site Kit di Google

Dopo aver installato il plug-in, è necessario configurarlo. L’intero processo ruota principalmente attorno all’assegnazione al Site Kit dei permessi di cui ha bisogno per essere in grado di funzionare correttamente.

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Dopo aver fatto clic sul pulsante Avvia configurazione, sarai accolto da questa finestra, che delinea i passaggi successivi.

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Dopo aver fatto clic per accedere con Google, ti verrà chiesto di fornire le informazioni di accesso :

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Dopo aver effettuato l’accesso, dovrai concedere due autorizzazioni al Site Kit, per gestire e visualizzare i dati di Search Console e gestire l’elenco di siti e domini di tua proprietà:

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di GoogleUna guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Dopo aver fornito le due autorizzazioni, avresti effettivamente collegato il tuo plug-in Site Kit con Search Console. Vedrai questa immagine sullo schermo:

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Dopo aver cliccato su Vai alla mia dashboard, potrai vedere alcune delle informazioni estratte dalla Search Console:

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Oltre alle informazioni sul tuo sito web fornite dallo strumento o servizio a cui sei connesso, in questo caso Search Console, vedrai anche lo stato di altri strumenti e servizi di Google. Quindi, se vuoi connetterti a Google Analytics, ad esempio, puoi fare clic sul collegamento del servizio Connect e, dopo aver effettuato nuovamente l’accesso, fornire alcune autorizzazioni aggiuntive a Google Analytics:

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di GoogleUna guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google
Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google
Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Dopo aver concesso tutte queste autorizzazioni, ti verrà ricordato ancora una volta le autorizzazioni che stai per concedere e le autorizzazioni Site Kit ha già:

Una guida rapida a Site Kit, il plugin WordPress di Google

Il Site Kit di Google è un’aggiunta gradita alla cintura degli strumenti del proprietario o dell’amministratore di qualsiasi sito Web WordPress. Fornisce un modo pratico per visualizzare alcune delle informazioni e delle metriche più importanti fornite dai servizi di Google. Ma Google è anche tenuto ad apportare modifiche al plug-in, perlomeno mettendo a disposizione servizi aggiuntivi. Quindi, non importa quanto tu possa trovare utile il plugin oggi, è probabile che tu possa trovarlo ancora più utile in futuro.

Fonte di registrazione: wpklik.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More